Come potare il cupressocyparis leylandi in autunno per una bellissima siepe

Progettazione giardini mercoledì 4 ottobre 2017 Visualizzazioni: 555

Come potare la siepe di cipresso per avere un giardino perfetto!

La potatura della siepie di leylandii non richiede grande tecnica, ma solamente un po' di esperienza, facilmente acquisibile con  la pratica. Sono necessari infatti solo interventi semplici, facilmente eseguibili anche da chi non abbia molta esperienza di giardinaggio.

QUANDO POTARE IL CUPRESSOCYPARIS LEYLANDII

Il periodo migliore per effettuare la potatura cade a fine inverno, generalmente nel mese di marzo.

Poichè il cipresso leylandii è una pianta a rapida crescita, chi ama avere una siepe sempre perfettamente ordinata può effettuare una seconda potatura alla fine dell’estate, nel mese di settembre.

Resta fermo che la potatura principale deve avvenire a marzo.

COME POTARE il CUPRESSOCYPARIS LEYLANDII

Conviene potare il cupressocyparis leylandii anche l’anno dell’impianto, per favorire una crescita laterale e folta fin dalla base. In questo caso basta procedere con una semplice cimatura, ossia ad un leggerissimo taglio della punta e dei rametti laterali.

Negli anni successivi invece seguiremo le normali tecniche di potatura. Bisognerà iniziare a tagliare in primo luogo lateralmente e senza fretta, per acquisire una certa manualità, per poi passare al taglio della siepe all’altezza desiderata. In caso di terreni in pendenza si può scegliere tra un taglio parallelo al terreno, che dà come risultato una siepe inclinata, oppure un taglio parallelo all’orizzonte, così da avere una siepe più bassa nel punto più alto del terreno e viceversa.

GLI STRUMENTI NECESSARI

L’uso di un buon paio di guanti è vivamente consigliato per evitare di sporcarsi e graffiarsi le mani, per impugnare bene gli attrezzi in modo che non scivolino e quindi per stancare meno la mano nell’azione di taglio.

Le forbici per potare naturalmente sono indispensabili. La scelta dovrebbe ricadere su forbici con taglio sottile e lame affilate, che garantiscono un taglio di precisione. Quando potiamo un ramo o recidiamo un fiore creiamo una piccola ferita alla pianta. E’ percò importante che il taglio sia il più preciso possibile per non provocare la possibilità di infezioni o attacco di parassiti.

Indispensabili per potare correttamente le siepi sono poi i forbicioni.  Questi devono avere lame affilate e lunghi manici dalla facile e comoda presa. I manici lunghi permettono di sfruttare al massimo il principio della leva sviluppando una grande potenza con uno sforzo minimo. Specialmnte i modelli in alluminio, per la loro leggerezza, permettono di lavorare agevolmente e a lungo senza affaticarsi troppo anche dopo molte ore di lavoro.

Commenti

Lascia il tuo commento