Jasminum Nudiflorum, pianta rampicante dalla bellissima fioritura invernale!

Coltivazione di piante e fiori martedì 16 gennaio 2018 Visualizzazioni: 106

Cerchi una siepe invernale? per realizzare una siepe invernale fiorita prova il gelsomino giallo.

Jasminum Nudiflorum, pianta rampicante dalla bellissima fioritura invernale! Nei mesi invernali, quando il giardino è spoglio di colori, il Jasminum Nudiflorum attira l’attenzione per la bellissima macchia giallo oro prodotta dall’ abbondante e duratura fioritura.

Il Jasminum Nudiflorum, detto anche Gelsomino di San Giuseppe o Gelsomino Giallo, è una pianta rampicante a foglia caduca con lunghi rami verdi simili a quelli dei giunchi. Se lasciato libero i rami tendono a curvarsi verso il basso, mentre se viene appoggiato ad un sostegno si arrampica su di esso coprendo vaste superfici. Pianta a crescita media può raggiungere anche sei metri di altezza e 4 di larghezza.

Accetta tutte le esposizioni, ma all’ombra completa la fioritura sarà meno abbondante. Pianta rustica, può essere coltivata in tutti i normali terreni da giardino e in tutta Italia, in quanto è in grado di resistere al gelo (sopporta temperature fino a -15°C). Le foglie, che spuntano ai primi tepori primaverili, sono piccole e strette, lunghe da 1 a 3 cm, di colore verde scuro.

Il jasminum nudiflorum fiorisce da dicembre ad aprile con numerosissimi fiori, sui rami privi delle foglie. I fiori, composti da sei petali, piatti e larghi 1-2 centimetri, sono giallo vivo non sono profumati ma attirano le api che sono ghiotte del nettare.

UTILIZZO I rami non sono autoportanti ma hanno bisogno di un sostegno a cui essere legati. Possono essere utilizzati in giardino e in terrazzo per rivestire muri, colonne, archi e pergolati.

PIANTAGIONE La messa a dimora di una pianta di Gelsomino di San Giuseppe è semplice anche per chi non si sente portato per il giardinaggio. Prima di tutto occorre preparare la buca che deve essere larga e profonda 40 cm ca. Quindi si riempie parzialmente la buca con una miscela di terra, terriccio universale da giardino di ottima qualità e concime organico a lenta cessione. Inseriamo quindi la pianta avendo cura che la zolla sia ricoperta da un paio di centimetri di terra e riempiamo completamente con la miscela necessaria, effettuando una leggera pressione tutto intorno alla pianta in modo da compattare il terreno e non lasciare vuoti. Dobbiamo  quindi innaffiare abbondantemente, soprattutto nei mesi caldi, per compattare il terreno e far arrivare l’acqua alle radici.

CURE Le giovani piante hanno bisogno dell’apporto di elementi nutritivi per cui è bene somministrare a fine inverno e all’inizio dell’estate un ottime concime granulare universale a lenta cessione. Le piante coltivate in vaso avranno bisogno di più cicli annui di concimazione: si consiglia di fornire concime universale granulare a lenta cessione con la quantità e frequenza indicate sulla confezione del concime usato. Le piante giovani richiedono regolari irrigazioni in primavera e estate o comunque quando il terreno è secco, poi diventano più autosufficienti. Le piante coltivate in vaso vanno innaffiate regolarmente quando il terriccio è secco e in maniera sufficiente da bagnare tutte le radici, senza far ristagnare l’acqua nel sottovaso per evitare il marciume radicale.

POTATURA Al momento della messa a dimora del jasminum nudiflorum non occorre effettuare alcuna potatura. Negli anni successivi saranno invece necessari un intervento l’anno per dare alla pianta la forma voluta e per eliminare eventuali rami secchi. La potatura va effettuata dopo la fioritura nei mesi di maggio e giugno. Si elimineranno tutti i rami secchi, deboli o danneggiati e si taglieranno i vecchi rami dando la forma desiderata.

Commenti

Lascia il tuo commento