Siepe di falso Gelslomino come realizzare una splendida siepe

Coltivazione di piante e fiori martedì 3 ottobre 2017 Visualizzazioni: 892

Siepe di falso gelsomino ecco come fare per ottenere una siepe folta di falso gelsomino

SIEPE DI FALSO GELSOMINO: COME REALIZZARE UNA SPLENDIDA SIEPE

Il Falso Gelsomino, nome scientifico Rhincospermum Jasminoides o Trachelospermum Jasminoides, è la pianta rampicante più utilizzata in assoluto per realizzare splendide siepi sempreverdi.

Il fattore del suo successo è legato senza dubbio all’eleganza delle foglie, piccole e coriacee, di colore verde scuro sopra e più chiare nella parte inferiore, che formano una folta e compatta vegetazione bella in tutti i periodi dell’anno. A fine primavera inoltre il falso gelsomino si ricopre interamente di fiori bianchi, piccoli e dalla forma a elica e raggruppati in cime terminali, il cui delizioso profumo si avverte anche a distanza. Arbusto dalla rapida crescita, anche 40 – 80 cm l’anno, forma in breve tempo delle siepi alte in grado di aggrapparsi a reti, recinzioni, coprire elementi poco estetici, muri e pareti di abitazioni, anche in zone di ombra completa. Pianta rustica che può sopportare temperature rigide anche di diversi gradi sotto zero; diffuso in tutta Italia, dalle località costiere della Sicilia e della Sardegna fino alle zone più settentrionali.

In caso di freddo veramente intenso le foglie possono diventare rossastre per poi recuperare il bel colore verde scuro brillante ai primi tepori primaverili senza che la pianta si danneggi o perda il suo vigore.

PROGETTAZIONE: Come tutte le piante rampicanti il falso gelsomino non ha un fusto in grado di sopportare il peso del fogliame e quindi di svilupparsi in altezza da solo, ma richiede delle strutture di supporto a cui aggrapparsi. Se il giardino ha un muro di cinta con una ringhiera non ci sono problemi: al momento dell’impianto della siepe basterà infatti legare i rami delle giovani piante alla ringhiera. In seguito i nuovi rami si aggrapperanno da soli e non ci sarà bisogno di alcun intervento.

ATTENZIONE: L’altezza della siepe sarà determinata dall’altezza della struttura di supporto. Se la ringhiera è alta un metro e mezzo, la siepe di falso gelsomino raggiungerà al massimo questa altezza in quanto i rami più alti di questa misura non sono in grado di sostenersi da soli, ma si ripiegheranno verso il basso e tenderanno a scendere verso terra nella parte esterna del giardino.

COME FARE? Occorre perciò pensare in anticipo all’altezza desiderata e quindi, se la struttura di supporto non è sufficiente o addirittura manca, dobbiamo collocare una rete abbastanza resistente, meglio se con maglie elettrosaldate, con altezza pari a quella che dovrebbe raggiungere la siepe. La distanza ideale di piantagione varia dai 50 ai 70 cm.

distanza di piantagione

Pianteremo le nostre piante ad una distanza di 50 cm se vogliamo avere una siepe più folta o se desideriamo proteggerci dal vento. Collocheremo le piante di falso gelsomino ogni 70 cm se non abbiamo l’esigenza immediata di avere la siepe completamente chiusa, certi comunque che in breve tempo i rami si intrecceranno tra loro e formeranno comunque una siepe priva di “buchi”. Per calcolare il numero delle piante necessarie basta: distanza di piantagione: 50 cm – moltiplicare i metri della siepe per 2 distanza di piantagione: 60 cm – moltiplicare i metri della siepe per 1,667 distanza di piantagione: 70 cm – moltiplicare i metri della siepe per 1,428 Esempio per un giardino di 10 metri e 60 centimetri: distanza di piantagione: 50 cm – 10,6 x 2 = 50,8 – occorrono 21 piante distanza di piantagione: 60 cm – 10,6 x 1,667 = 42,3 – occorrono 18 piante distanza di piantagione: 70 cm – 10,6 x 1,428 = –36,2 occorrono 15 piante

REALIZZAZIONE

1. Scavare una buca con larghezza e profondità doppia rispetto al diametro del vaso.

2. Riempire parzialmente con una miscela di terra, terriccio universale da giardino di ottima qualità e concime organico a lenta cessione

3. Inserire la pianta avendo cura che la zolla sia ricoperta da un paio di centimetri di terra.

4. Riempire del tutto la buca con la miscela necessaria, effettuando una leggera pressione tutto intorno alla pianta in modo da compattare il terreno e non lasciare vuoti.

5. Infine innaffiare abbondantemente, soprattutto nei mesi caldi, per compattare il terreno.

Commenti

Lascia il tuo commento